top of page
271391427_10157210582847465_5235217214167350290_n.jpg

Canova tra innocenza e peccato

La mostra, organizzata dal Mart, pone in evidenza l’attualità della scultura di questo grande maestro dove, con predominanza del bianco e il nero, l’icona è il corpo. Tra l’altro, si confrontano con la scultura di Canova i maggiori fotografi del nudo del Novecento: Helmut Newton, Robert Mapplethorpe, Edward Weston, Irving Penn, Horst P. Horst e tra questi figura, con cinque opere, anche uno tra i maggiori fotografi della Bulgaria, il seppur non così noto Garo Keshishian.

Infatti nonostante la sua prima Mostra personale, tenutasi alla Odessos Gallery di Varna, risalga al luglio 1977, sulla sua produzione fotografica esiste a tutt’oggi un solo e unico catalogo - in cui sono riprodotte 100 fotografie - pubblicato a cura di Sergio Poggianella, in occasione della mostra Garo Keshishian, Ca’ Zenobio, Venezia 11 ottobre – 16 novembre 2002.

In occasione della mostra, la FSP si è impegnata a prestare alcune tra le fotografie di Keshishian per farle entrare in dialogo con le opere di Canova.

Logo Mart.png
bottom of page